chi siamo

Il progetto

I SOGGETTI CAPOFILA

Il progetto, che ha mosso i primi passi a fine 2012, è stato promosso inizialmente da quattro soggetti capofila:

  1. Azienda USL di Romagna -  Distretto di Forlì
  2. Comune di Forlì – Assessorato alle Politiche Sociali
  3. Ass.I.Pro.V. – Centro Servizi per il Volontariato
  4. I.R.S.T. - Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori

GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO

Il progetto prevedeva in origine tre importanti obiettivi generali:

  1. promuovere la salute ed il benessere delle persone anziane e delle loro famiglie nel comprensorio forlivese;
  2. valorizzare e consolidare il ruolo delle realtà associative del Terzo Settore negli interventi a favore della popolazione anziana e delle loro famiglie nel comprensorio forlivese;
  3. rafforzare il rapporto di collaborazione tra le associazioni e gli Enti Pubblici preposti ad erogare servizi alle persone anziane coinvolti nel progetto.

GLI ALTRI PARTNER COINVOLTI NEL PROGETTO

La rete degli altri partner coinvolti nel progetto si è definita nell’arco degli ultimi 3 anni e mezzo, da gennaio 2013 (inizio della fase di mappatura descritta sotto) ad oggi. Si tratta di una rete “aperta”, alla quale le realtà associative del Terzo Settore possono aderire in qualunque momento.

IL PROCESSO DI PROGETTAZIONE

Il processo di progettazione è stato caratterizzato da quattro fasi:

  1. creazione della “cabina di regia” (novembre-dicembre 2012);
  2. mappatura delle associazioni ed enti che a vario titolo si occupano di persone anziane nel comprensorio di Forlì (gennaio-marzo 2013);
  3. lancio della progettazione ed individuazione dei soggetti della rete (aprile 2013 - gennaio 2016);
  4. individuazione e realizzazione delle azioni progettuali (aprile 2013 – giugno 2016).

Fase 1) creazione della “cabina di regia”

Il primo necessario passo è consistito nella creazione di una “cabina di regia”, cioè di un gruppo tecnico di progetto composto da Ass.I.Pro.V., Azienda Unità Sanitaria Locale della Romagna – Distretto di Forlì e Comune di Forlì – Servizio Politiche di Welfare, che hanno condiviso finalità e procedure operative (novembre-dicembre 2012).

Fase 2) mappatura delle associazioni ed enti che a vario titolo si occupano di persone anziane nel comprensorio di Forlì

Il secondo passo è consistito nella mappatura delle associazioni ed enti che a vario titolo si occupano di persone anziane nel comprensorio di Forlì (gennaio-marzo 2013). In questa fase, sono stati analizzati ed incrociati gli elenchi in possesso dei soggetti capofila e si è proceduto ad individuare le organizzazioni potenzialmente interessate al progetto (circa 80). Alle 80 organizzazioni individuate è stato inviato un questionario informativo, che aveva lo scopo di conoscere l’attività associativa ed i servizi erogati a favore di persone anziane. Le associazioni che non hanno restituito il questionario compilato entro la scadenza indicata sono state contattate una per una, per raggiungere tutti i soggetti individuati. Questa fase di ricerca ha avuto come esito la restituzione di 33 questionari informativi.

Fase 3) lancio della progettazione ed individuazione dei soggetti della rete

Il terzo e successivo passo è consistito nella convocazione delle associazioni che avevano compilato il questionario e nella proposta di avviare un processo di progettazione condivisa finalizzato a realizzare interventi ed attività a favore della salute e del benessere delle persone anziane: l’incontro si è svolto il 17 aprile 2013 ed ha visto la partecipazione di 18 organizzazioni di vario tipo.

Fase 4) individuazione e realizzazione delle azioni progettuali (aprile 2013 – giugno 2016)

Al lancio della progettazione è seguita la quarta fase, che è consistita in un intenso periodo di incontri tra la rete dei partner.

AZIONE PREVISTE DAL PROGETTO ORIGINARIO

Il progetto originario prevedeva 6 azioni

  • azione 1: diffusione delle attività del progetto (realizzazione di un sito internet);
  • azione 2: coordinamento stabile degli enti e delle associazioni che erogano servizi alle persone anziane;
  • azione 3: creazione di una rete operativa sperimentale tra associazioni che si occupano di trasporti;
  • azione 4: attivazione sperimentale di una rete di prossimità in favore di persone anziane nel  quartiere Musicisti e Grandi Italiani di Forlì;
  • azione 5: sensibilizzazione dei caregivers (coloro che assistono e si prendono cura);
  • azione 6: formazione dei volontari;

AZIONI GIÀ REALIZZATE DEL PROGETTO ORIGINARIO

Oltre ai partner di progetto, nel corso dei 3 anni di vita del progetto si sono modificate anche le azioni progettuali ipotizzate inizialmente, perché diverse attività sono state nel frattempo finanziate da Ass.I.Pro.V. – Centro Servizi per il Volontariato di Forlì-Cesena.
Parallelamente agli incontri dei partner per la definizione del progetto (fasi 3 e 4), le associazioni sono state impegnate nella realizzazione delle prime azioni ipotizzate dalla rete di progetto, sostenute economicamente da Ass.I.Pro.V nel 2014 e 2015:

  • coordinamento stabile degli enti e delle associazioni che erogano servizi alle persone anziane;
  • sperimentazione di una rete di prossimità nel quartiere Grandi Musicisti;
  • realizzazione di un sito internet;
  • percorso formativo “Scuola delle famiglie";
  • realizzazione e stampa del vademecum informativo “Generazione sandwich… cambiamo prospettiva";
  • corso di formazione per volontari “Dona il tuo talento”.

AZIONI DA REALIZZARE NEL BIENNIO 2016-2017

Per il biennio 2016-2017, il progetto beneficia di due canali di finanziamento:

1) fondi di Ass.I.Pro.V. – Centro Servizi per il Volontariato di Forlì-Cesena
Le azioni sostenute economicamente da Ass.I.Pro.V. – Centro Servizi per il Volontariato di Forlì-Cesena sono le seguenti:

  • potenziamento del sito internet già esistente;
  • nuovo percorso formativo per famiglie con anziani;
  • cabina di regia e coordinamento delle associazioni che si occupano di trasporti;
  • attività per anziani a Coriano;
  • attività per anziani a Roncadello;
  • attività per anziani alla Cava;

2) contributo della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì nell’ambito del bando “Generazione over”
Le azioni sostenute economicamente dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì sono le seguenti:

  • attività ludico- ricreative, di socializzazione ed intrattenimento a Roncadello;
  • promozione del servizio di teleassistenza e telesoccorso per gli anziani, in collaborazione con l’Associazione “Un cuore che ascolta”;
  • corsi di ginnastica per la terza età rivolti principalmente ad anziani di Fiumana, Predappio e Predappio Alta, in collaborazione con il Comitato Anziani di Predappio.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK

Loading…